AGGIORNAMENTO: con l’approvazione della Legge di Bilancio 2017 la detrazione del 65% è stata prorogata fino al 31 Dicembre 2017. La proroga è fino al 31 dicembre 2021 per gli interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari del singolo condominio. Per questi interventi è possibile usufruire della cessione del credito fiscale.

 

Ecco alcune novità:

  • la detrazione 65% è estesa anche alle schermature solari esterne e ai dispositivi per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda: è quindi possibile detrarre anche solo le persiane
  • la detrazione sale fino al 75% se l’intervento riguarda il condominio
  • l’ecobonus sale al 70% se i lavori di riqualificazione energetica hanno un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’intero edificio
  • la detrazione sale al 75% se gli interventi miglioreranno la prestazione energetica estiva oltre che quella invernale

 

Come fare per presentare la richiesta di detrazione?

Per avvalersi dell’agevolazione, è necessario compilare l’Allegato F sul portale dell’Enea entro 90 giorni dalla fine dei lavori; a tal fine la nostra azienda, se necessario, vi farà assistere da un nostro tecnico di fiducia

 

Quali sono i requisiti per poter usufruire della detrazione?

  1. La detrazione si può richiedere per la sostituzione di vecchi infissi, e può includere anche la sostituzione delle chiusure oscuranti (scuri, persiane e cassonetti). Si detrae l’importo IVA inclusa. Non vale per l’installazione di nuovi serramenti.
  2. I locali oggetto di intervento devono essere riscaldati
  3. L’immobile deve essere accatastato
  4. I serramenti devono avere una trasmittanza minore o uguale a quella prescritta per il comune di appartenenza.

 

Che documenti sono necessari?

  • la certificazione del produttore dell’infisso nella quale deve essere indicato il valore di trasmittanza dei nuovi infissi (ricavato dalla documentazione tecnica in possesso del cliente evidenziando che i serramenti rispettano il valore di trasmittanza limite riportato in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010).
  • un documento che attesti il valore di trasmittanza dei vecchi infissi

 

Che documenti bisogna conservare?

  • fatture relative alle spese sostenute, che rechino chiaramente separata la voce “manodopera” da quella delle opere
  • ricevuta del bonifico bancario o postale (modalità di pagamento obbligata nel caso di richiedente persona fisica), che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge finanziaria 2007, numero della fattura e relativa data, oltre ai dati del richiedente la detrazione e del beneficiario del bonifico
  • ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID) dell’Allegato F, che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa

 

LEGGI ANCHE:

Come effettuare il pagamento col bonifico?

Per poter accedere alle detrazioni fiscali del 65% (risparmio energetico) è necessario effettuare i pagamenti a mezzo di speciale bonifico bancario o postale in cui sia ben evidenziato:

  1. la legge cui fare riferimento (L. 296/2006)
  2. il codice fiscale del beneficiario della detrazione;
  3. il codice fiscale oppure la partita IVA del soggetto a cui favore è stato effettuato il bonifico.
  4. numero e data della fattura.